CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

Intervento sulle Pensioni di Reversibilità - Una Rapina Legalizzata


A lanciare l'allarme è stato il segretario generale deollo Spi-Cgil Ivan Pedretti, in Commissione Lavoro alla Camera è arrivato un disegno di legge delega che contiene un punto gravissimo: la pensione di reversibilità, verrà considerata una prestazione assistenziale e non previdenziale, sarà legata all’Isee, cioè al reddito familiare. In pratica, è un modo per demolire un diritto individuale e rendere la pensione, frutto di contributi versati, inaccessibile per centinaia di migliaia di donne e uomini.

La pensione di reversibilità è stata modificata a partire dal 1995, al coniuge spetta il 60% del valore della pensione diretta. Inoltre è legata al reddito del superstite:

  • Fino a 19.573 euro nessuna riduzione %
  • Da 19.573 a 26.098 euro riduzione del 25%
  • Da 26.098 a 32.622 euro riduzione del 40%
  • Da 32.622 euro in su riduzione del 50%

“Dicono che la polemica sulle pensioni di reversibilità è infondata, che ci siamo sbagliati - ha detto Pedretti - ma se le legano all’Isee, le taglieranno a molte persone. Questo è scritto nel disegno di legge e questo è quello che abbiamo denunciato. Non servono smentite stizzite. Il Governo deve aprire il confronto con noi e ritirare questa norma. Punto. Sulle pensioni di reversibilità il governo tira il sasso e poi nasconde la mano".

Una misura che non è solo profondamente ingiusta ma è anche tecnicamente impropria e rischia di aprire un contenzioso anche a livello giuridico. La pensione di reversibilità infatti è una prestazione previdenziale a tutti gli effetti, legata a dei contributi effettivamente versati. Che in molti casi quindi sparirebbero nel nulla, o meglio, resterebbero nelle casse dello Stato. 

Le pensioni di reversibilità rappresentano un pezzo fondamentale dello Stato Sociale per circa 3 milioni di anziani. Nel 2015 le pensioni di reversibilità sono state 183.000 quasi tutte percepite da donne. Il costo complessivo ammonta a circa 24 miliardi per un reddito medio mensile di circa 615 euro.

"Lo Stato sta facendo una sorta di “rapina” legalizzata - osserva il Segretario dello Spi Cgil Valle d'Aosta Gaetano Maiorana - perpetrata soprattutto ai danni delle donne perché l’età media degli uomini è più bassa e la reversibilità è quindi una prestazione che riguarda soprattutto loro".

“Le donne – conclude Maiorana sarebbero doppiamente colpite perché hanno una pensione mediamente inferiore a quella degli uomini e  in futuro rischiano quindi di impoverirsi ulteriormente. Un vero capolavoro. Ne va del futuro pensionistico di tante persone e della dignità di un governo che non può pensare di fare cassa sulle spalle delle vedove".

 

 

 

Articolo del 16/02/2016

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
Ufficio Vertenze Legali
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
AUSER
FEDERCONSUMATORI


XVII Congresso
Vai allo scaffale delle nostre riviste

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Rassegna.it
Radio Articolo 1
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop