CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

Pensioni - Perequazione, a Chi Spetta il Rimborso?


Dal primo agosto l'Inps pagherà a titolo di arretrati la rivalutazione delle pensioni sancita dalla sentenza n. 70/2015 della Consulta e recepita dal decreto legge n. 65/2015 del governo.

Ad essere interessate saranno le pensioni da 3 volte il minimo fino a 6 volte, cioè quelle di importo superiore ai 1.405,05 euro nel 2012 e 1.443,00 euro nel 2013 e fino a 2.810,10 euro per il 2012 e fino ai 2.886,00 euro per il 2013 secondo un meccanismo di decalage previsto dalla circolare emanata dall'Istituto.

Per il 2012 e 2013 dunque, percepiranno un rimborso:

  • del 40% gli importi superiori a 3 volte il minimo e fino a 4 volte;
  • del 20% quelli sopra a 4 volte il minimo e fino a 5 volte;
  • del 10% per quelli sopra 5 volte il minimo e fino a 6 volte;
  • Oltre tale limite nulla è riconosciuto.

Per il 2014 e il 2015 invece la rivalutazione sarà riconosciuta a partire dalle pensioni superiori a 3 volte il minimo e fino a 6 volte e sarà pari al 20% della percentuale di perequazione assegnata per ogni fascia di reddito per gli anni 2012-2013.

Per fare un esempio:

le pensioni superiori a 3 volte il minimo e pari o inferiori a 4 volte il minimo, fino dunque a 1500 euro, spiega la circolare Inps, percepiranno dal 1 agosto una rivalutazione complessiva, calcolando gli arretrati 2012, 2013, 2014 e 2015 di 796,27 euro. In particolare, saranno restituiti 210,6 euro per il 2012 e 447,2 per il 2013. Per il 2014 e 2015, invece, la restituzione sarà pari rispettivamente a 89,96 euro e 48,51 euro.

L'Istituto procederà, poi, in occasione del rinnovo delle pensioni per il 2016, a ricalcolare gli assegni a partire dal 2012, attribuendo le percentuali di rivalutazione sopra indicate ai coefficienti di perequazione, rispettivamente del 2,7 e del 3 per cento, relativi agli anni 2012 e 2013 e i criteri di perequazione stabiliti dalla legge n. 147 del 2013 per gli anni 2014, 2015 e 2016.

Il nuovo importo della pensione dell'anno 2016 sarà poi la nuova base per il calcolo della perequazione a regime.

A decorrere dal 2017 torneranno comunque in vigore le disposizioni sulla rivalutazione automatica delle pensioni della legge 388 del 2000.

Articolo del 15/07/2015

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
Ufficio Vertenze Legali
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
AUSER
FEDERCONSUMATORI


XVII Congresso
Vai allo scaffale delle nostre riviste

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Rassegna.it
Radio Articolo 1
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop