CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

Politiche attive? Uno specchietto per allodole firmato Poste Italiane


In questi giorni si è dato il via alla riorganizzazione, che ha toccato il servizio postale. Vanno bene le politiche attive messe in atto da Poste Italiane, ma come CGIL siamo preoccupati per l'occupazione. Abbiamo il 40% dei dipendenti con contratti a tempo determinato, una percentuale ancora troppo alta” commenta Barbara Capelli Slc Cgil Valle d'Aosta: “In Valle d'Aosta da 108 zone regolari si è passati a 80 macro-zone, con una riduzione del 20% dei postini. Ci troveremo davanti a dei paradossi con i comuni più piccoli, in cui viene distribuita la posta a giorni alterni, mentre in quelli più grandi verrà effettuato il servizio postale anche nel pomeriggio. Il problema si presenterà nella sua gravità fra un po' di tempo”. Tra i punti principali delle politiche attive c'è la stabilizzazione del personale con contratto a tempo determinato e questa è una buona notizia per Slc CGIL Valle d'Aosta, ma ci sono delle discrepanze: “in Valle d'Aosta – afferma Barbara Capelli - le stabilizzazioni saranno 10 in 1 anno e sono poche. Con gli incentivi per andare in pensione anticipatamente si perderanno 9 postini e il prossimo anno ci sarà un'ulteriore diminuzione. La stabilizzazione è necessaria, perché il 40% dei contratti a tempo determinato è una percentuale alta, ma i numeri di stabilizzazioni, che ci vengono presentati, non sono ancora sufficienti per un territorio come quello valdostano. Quindi va bene il progetto delle politiche attive, anche se nei fatti sembra più uno specchietto per allodole. In una regione come la nostra servono più assunzioni e più stabilizzazioni. I nostri sono paesi con una particolarità territoriale. Non si può continuare a giocare sulla pelle dei lavoratori e il problema dei postini tocca tutta la comunità. Temiamo la reazione della gente, abituata a ricevere la posta ovunque, anche nelle zone più lontane dai centri abitati”. Conclude Capelli: “Ne guadagnerà l'e-commerce, ma anche su questo bisognerà fare un ragionamento sul ruolo del postino, dove il rapporto con le persone è 1 a 1, e non sarà facile far accettare alle persone che non sarà più così”.

 

Articolo del 23/06/2018

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
Ufficio Vertenze Legali
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
AUSER
FEDERCONSUMATORI

XVIII Congresso
Vai allo scaffale delle nostre riviste

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Rassegna.it
Radio Articolo 1
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop