CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

Assemblea Cgil, votato all'unanimità ordine del giorno a sostegno della popolazione curda


Il lavoro si fa strada ( contrattazione sociale, territoriale, inclusiva) e la situazione politico sindacale al centro dei lavori dell'assemblea generale della Cgil Valle d'Aosta, che ha avuto luogo venerdì 18 ottobre. Alla giornata ha partecipato anche il segretario nazionale Roberto Ghiselli che è intervenuto nella chiusura del dibattito: "Il mondo del lavoro cambia, si differenzia e si frantuma - ha scandito Ghiselli -. Cambia inevitabilmente anche la società. I cambiamenti sociali sono altrettanto importanti e incidono anche sulla nostra rappresentanza. Davanti a questi processi, che sono così profondi, abbiamo bisogno di contrastare un rischio, che è quello della crescita spontanea delle divisioni e delle differenze. Se crescono le differenze inevitabilmente calano i diritti di tutti. Un esempio è l'industria 4.0, l'innovazione tecnologica, che porterà a una polarizzazione. Chi sta dentro ai processi innovativi avrà delle opportunità, ma ci saranno anche quelli che verranno schiacciati più in basso. È importante comunque costituire una rete di rappresentanza uniforme, altrimenti anche chi ricopre cariche superiori potrebbe correre il rischio di incontrare delle difficoltà". Si sono intervellati, inoltre, numerosi segretari di categoria: Marina Milanesio ( Fisac), Isabelle Buillet (Filcams), Cristina Marchiaro (Filt), Igor De Belli ( Funzione Pubblica), Claudio Idone ( Flc), Fabrizio Graziola ( Fiom), Roberto Billotti ( componente segreteria confederale regionale) e Gabriele Matterana (Flai). Alcuni segretari hanno posto l'accento su come sia importante cercare di diventare sempre più attrattivi, come organizzazione sindacale, nei confronti dei giovani. Sono stati toccati, poi, vari punti: dalla scuola alle pensioni, all'edilizia, al comparto pubblico regionale, ai trasporti, fino ad arrivare alla situazione industriale. Quest'ultima al centro dell'attenzione dell'opinione pubblica e dei media a causa del rischio di licenziamento, che coinvolgerà 55 dipendenti della Shiloh di Verrès ( dove intanto è stata avviata la cassaintegrazione straordinaria per dodici mesi nei confronti di 70 dipendenti, nda). Si è parlato nello specifico anche della cassaintegrazione alla Cogne Acciai Speciali, della situazione dell'edilizia, dell' azienda Heineken e infine delle assemblee degli operai idraulico-forestali, che hanno riscontrato una buona partecipazione.

L'assemblea ha poi proceduto alla votazione dell'ordine del giorno a sostegno della popolazione curda. Chiosa Vilma Gaillard, segretario generale Cgil Valle d'Aosta: "Con questo documento vogliamo creare una maggiore sensibilizzazione. Per questo motivo lo invieremo al Governo regionale, alla Deputata Elisa Tripodi e al Senatore Albert Lanièce". Qui di seguito l'ordine del giorno integrale, approvato all'unanimità.


Alla notizia dell’aggravarsi della situazione al confine tra Turchia e Siria e dell’avvio ai bombardamenti da parte dell’esercito nelle zone storicamente abitate dalle popolazioni curde, unendoci agli appelli nazionali e internazionali, che ancora in questi giorni stanno mobilitando la società civile, come Cgil Valle d'Aosta
condanniamo fermamente l’azione turca contro i Curdi, alleati negli ultimi anni delle forze occidentali e protagonisti nel respingimento dell’avanzata dell’Isis; ricordiamo inoltre che i Curdi, anche per salvaguardare la sicurezza e la serenità dell’Europa e del nostro Paese, hanno pagato un ingente prezzo in termini di vite umane, chiediamo alla Regione Autonoma Valle d'Aosta di farsi promotore presso il Governo nazionale affinché:
 

  • cessino immediatamente le ostilità e si fermino le manovre di invasione del territorio siriano abitato dalla popolazione curda;
  • si dia mandato a una delegazione internazionale che garantisca in loco la fine delle ostilità, il rispetto dei confini, il diritto internazionale;
  • si provveda all’invio di soccorsi per eventuali feriti;
  • si apra una sessione di discussione dedicata, tanto nel Parlamento europeo quanto in quello italiano;
  • si chieda che il caso sia messo con urgenza all’ordine del giorno del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Che venga effettuato un embargo economico verso la Turchia, oltre a vietare la vendita delle armi
La Cgil Valle d'Aosta - in sintonia con la Cgil nazionale - ha organizzato nei giorni scorso un incontro con altre associazioni del territorio valdostano proprio per rimarcare tutti questi punti salienti e per dare un segnale di appoggio e sostegno al popolo curdo. L'iniziativa ha avuto un buon riscontro di partecipazione. L'assemblea generale della Cgil Valle d'Aosta dà mandato alla segreteria regionale confederale di farsi promotore di questa iniziativa con le altre organizzazioni sindacali, in modo che ci sia la più ampia condivisione possibile condivisione.




Articolo del 20/10/2019

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
Ufficio Vertenze Legali
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
AUSER
FEDERCONSUMATORI

XVIII Congresso
Vai allo scaffale delle nostre riviste

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Rassegna.it
Radio Articolo 1
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Passa al mobile
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop