CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

Casinò - Ancora Nulla per un Effettivo Rilancio


Come previsto dall'accordo firmato il 19 maggio scorso tra le organizzazioni sindacali e la dirigenza della casa da gioco, si è svolto giovedì 7 agosto scorso il secondo incontro per fare il punto sull'evoluzione del risanamento strutturale ed economico del Casinò. Presente alla riunione anche l'amministratore unico Luca Frigerio che ha esposto in maniera verbale e per sommi capi il Bilancio 2013, facendo anche una sintesi sulla situazione del 1° semestre 2014.

Le informazioni fornite, come per l'incontro precedente, si sono rivelate lacunose e prive di dati di dettaglio. Solo ieri è stato inviato un dato sintetico sul consuntivo dei risparmi già consolidati al 30 giugno 2014, con una proiezione fino a fine anno.


Bilancio

È stata confermata una perdita di 21.000.000 di euro di cui circa 9.200.000 euro da imputare a quote di ammortamento per strutture, impianti,... e quindi la perdita operativa è tra gli 11 e i 12.000.000 di euro. Non essendo stato ancora passato il Bilancio alla Regione l’Azienda si è riservata di farlo pervenire alle OO.SS. una volta prodotto il definitivo ed inviato ai soci.

Resta quindi per la Slc Cgil la perplessità sulla perdita del 2013, anno in cui, sempre secondo la dirigenza, avrebbe dovuto vedersi un minimo segno di ripresa.

"Rimane forte la delusione di essere arrivati al mese di agosto del 2014 senza avere dati concreti su cui lavorare e per noi il giudizio continua ad essere negativo e ci riserviamo qualsiasi commento di dettaglio. Spiace, inoltre prendere atto che ancora oggi non si abbia modo di fare un'analisi seria sul reale andamento dell'azienda. Resta anche il rammarico per il fatto che spesso e volentieri si hanno notizie più dettagliate sulla situazione dei conti attraverso la stampa che in via ufficiale".


Direttore Marketing

Ad oggi non è stato fatto ufficialmente ancora un nome, l'AU ha ribadito di avere contatti con la figura che l'azienda ha individuato e con la quale sta già prendendo accordi per portare una clientela vip alla casa da gioco

Indicativamente il responsabile per il rilancio potrebbe essere operativo in autunno.

"Anche su questo punto le informazioni restano in ombra, e di fatto non si è ancora fatto nessun passo avanti, si rinvia il discorso in autunno" .

Aperta anche nel casinò valdostano, ultimo rispetto alle altre case da gioco italiane, la sala Poker Cash che dovrebbe intercettare la clientela che frequenta i tornei di poker. "Registriamo però una improvvisazione nella gestione che obbliga a ricorrere anche a personale esterno non solo ai tavoli ma perfino nella gestione della sala creando dei disallineamenti con quanto previsto dal Disciplinare regionale in tema di assunzioni"


Riduzione dei Costi di Gestione

L'azienda dichiara di aver fatto un recupero di 1.400.000 euro, "cifra complessiva e che in maniera molto vaga ha detto riferirsi a contrazioni su modifiche riguardanti gli appalti (guardaroba, controllo tessere, pulizie, contratti somministrazione, ecc)".


Riorganizzazione Interna

Il Casinò ha iniziato una fase di riorganizzazione di alcuni reparti, anche su questo la Slc Cgil sottolinea come "appare evidente una mancanza di strategia complessiva nel proporre una riorganizzazione interna che porti reali benefici. Questa riorganizzazione è strettamente connessa alle ricadute che ci saranno se verrà applicato l'art. 4 della Legge Fornero sulle uscite, di cui le pre adesioni sono state di 138 risorse. Con settembre inizieranno gli incontri per la definizione di un accordo in tal senso".


Tagli al Mangement

Per quanto riguarda le riduzioni agli emolumenti dei dirigenti e dell'amministratore unico l'assemblea dei soci ha confermato il taglio rispettivamente del 25% e del 30% delle retribuzioni annue lorde che saranno comprensive di qualsivoglia premio individuale o retribuzione accessoria. I tagli consuntivati a fine giugno ammontano a 67.000 euro e si prevede un risparmio superiore ai 250.000 euro per fine 2014.

"Su questo punto resta il dubbio per quanto riguarda l'amministratore unico" infatti nel verbale dell'assemblea dei soci si legge: "l'amministratore unico ricorda che già nell'assemblea del 31 gennaio scorso egli in connessione con la continuità e il completamento alla scadenza naturale del proprio incarico rinunciava all'erogazione del premio di risultato per l'anno 2013, nonostante il raggiungimento degli obiettivi fissati dall'assemblea e, alle stesse condizioni se la situazione economica lo avesse reso necessario, rimetteva nella disponibilità dell'assemblea l'eventuale premio che dovesse essere eventualmente erogato nel 2014. Alla luce dell'accordo sindacale in essere e dell'andamento economico della società conferma per il 2014 detta rinuncia sempre in connessione con la continuità del proprio incarico, rinuncia che sarà di fatto efficace all'atto della consuntivazione degli obiettivi 2014. Detta rinuncia del premio per il 2014 è pari al 30% del proprio compenso annuo lordo, in linea quindi con le previsioni contrattuali, e ad essa si aggiunge la rinuncia per il premio dell'anno 2013, per un valore complessivo di 144.000 euro".

Dal documento prodotto si dà per scontato il raggiungimento dell'obiettivo per il 2014 e la contrazione della retribuzione dell’ AU concernerebbe solo il premio.


Rinegoziazione Super Minimi

Ad oggi l'azienda ancora non si è attivata per una loro rinegoziazione e ad oggi non se ne ha ancora evidenza. In maniera dettagliata invece si ha il recupero sul costo del lavoro che ammonta a 1.264.105 euro incidendo sul salario, quattordicesima e previdenza integrativa dei lavoratori.

"Di fatto anche in questa riunione la dirigenza non ci ha ancora convinto di voler realmente operare per un effettivo rilancio della casa da gioco - conclude Vilma Gaillard Segretario della Slc Cgil della Valle d'Aosta - molti punti previsti dall'accordo sono stati ancora una volta disattesi. Al di là della forte reticenza nel fornire dati precisi e dettagliati si denota una forte confusione e incapacità di operare per un reale recupero dei costi e quindi per un conseguente recupero della produttività. Purtroppo della ripresa non si ha ancora una reale percezione essendo il fatturato della casa da gioco per il primo semestre del 2014 ancora di segno negativo".


L'Slc Cgil della Valle d'Aosta, si riserva, nei prossimi giorni, sentiti i propri iscritti, una riconsiderazione della propria firma sull'accordo e l’attivazione di forme di protesta più incisive.

Scarica allegato: Richiesta Incontro - Proclamato lo Stato di Agitazione

Articolo del 14/08/2014

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
Ufficio Vertenze Legali
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
AUSER
FEDERCONSUMATORI

XVIII Congresso
Vai allo scaffale delle nostre riviste

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Rassegna.it
Radio Articolo 1
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop