CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

CCNL Industria Alimentari - Dal 2 Febbraio al Via il Tavolo per il Rinnovo


A partire dal 2 febbraio, si riapre il tavolo per il rinnovo del CCNL Industria Alimentare.

Un risultato importante ottenuto grazie alla grande capacità di mobilitazione messa in atto nei giorni scorsi da Fai, Flai, Uila e grazie alla straordinaria partecipazione di tutti i lavoratori e le lavoratrici del settore.

Nel ritenere un valore avere riconquistato il tavolo negoziale per una trattativa ad oltranza, Fai, Flai e Uila hanno deciso di sospendere le iniziative programmate, a partire dallo sciopero programma to per oggi.

Le giornate di sciopero dell'industria alimentare della scorsa settimana hanno avuto in tutta Italia un grande successo con una partecipazione che si è attestata al 95%.
Un settore che occupa oltre 400.000 lavoratori a livello nazionale, e che ha visto anche in Valle d'Aosta un ottimo riscontro di adesioni con una partecipazione dal 70 all'85% il 21 gennaio, in particolare negli stabilimenti Heineken, Sorgenti Monte Bianco e Lavazza.

“Si tratta di un risultato straordinario – sottolineano Fai, Flai e Uila nazionali - che evidenzia, senza alcun dubbio, l’importanza del contratto nazionale e la condivisione da parte dei lavoratori dei punti contenuti nella nostra piattaforma. Chiediamo di rinnovare un contratto partendo dai diritti. Vogliamo, ad esempio, che tutti i lavoratori di un medesimo sito produttivo abbiano stessi diritti e stesse tutele, a cominciare dalla sicurezza; vogliamo piena esigibilità ed estensione della contrattazione di secondo livello, cosa che non può avvenire alle condizioni poste da Federalimentare e cioè ad invarianza di costi aziendali”.

Le Organizzazioni Sindacali chiedono che il contratto nazionale "rimanga autorità salariale e questo significa riconoscere un aumento dei salari per i lavoratori del settore, che risponda veramente alle loro esigenze e che non venga bilanciato dalla cancellazione degli scatti di anzianità o del premio di produzione congelato. Vogliamo che i costi della crisi non siano pagati ancora una volta dai lavoratori, dopo che il mondo delle imprese ha già ha avuto molto in termini di sgravi, agevolazioni ed incentivi da parte del Governo”.

 

Articolo del 29/01/2016

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
Ufficio Vertenze Legali
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
AUSER
FEDERCONSUMATORI

XVIII Congresso
Vai allo scaffale delle nostre riviste

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Rassegna.it
Radio Articolo 1
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop