CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

Donne e lavoro, la contrattazione come strumento per contrastare la violenza di genere


Donne e lavoro. Gli strumenti del sindacato per contrastare la violenza di genere nei luoghi di lavoro. Se n'è parlato giovedi 23 novembre nella sala del Csv ad Aosta. Al tavolo Simona D'Agostino ( segretaria Confederale Cgil VdA), Giulia Stacchini ( Cisl) e Irma Moro (Uil). Numerosi gli interventi di segretari generali e funzionari delle categorie dei trasporti, di turismo e commercio, dei somministrati e atipici, degli edili e delle funzioni pubbliche che hanno portato i loro contributi sulla contrattazione per quanto concerne le politiche di genere.
Ne è scaturita una panoramica, dove la presenza delle lavoratrici è forte in tutti i comparti, dominante in alcuni, come commercio, pulizie, colf e badanti e lavoro di cura, il cui contributo è stato fondamentale durante la pandemia, nonostante non abbia ricevuto un adeguato riconoscimento sociale.

"Si tratta di lavoro debole, povero, anche perché caratterizzato dalla rilevante presenza di part-time, orizzontale, verticale ciclico, quasi sempre involontario, spesso a poche ore settimanali, che ha raggiunto percentuali altissime e che non riguarda più soltanto la sfera delle pulizie e della ristorazione, ma si è esteso a settori in cui una volta a dominare erano i contratti full time, come commercio e turismo, dove l’unica forma di lavoro offerta, disponibile, è a part time". Un quadro che per le lavoratrici si traduce anche nella difficoltà di raggiungere un'autonomia economica, con quello che ne consegue in termini di ricattabilità e di mancanza di autodeterminazione, che offre terreno fertile anche per situazioni di violenza e molestie. Lo strumento che le organizzazioni sindacali stanno utilizzando per affrontarlo è proprio l'azione contrattuale.

Dagli interventi è emerso che: "servono linee guida per contrastare le violenze e le molestie nei luoghi di lavoro, prevedendo informazione, formazione specifica e coinvolgendo rsa e rsu attraverso assemblee dedicate, così come il raddoppiamento dei giorni di congedo retribuito per le donne vittime di violenza ( quest'ultima azione già praticata dalla Cgil)".

Altro ambito di intervento dell’azione sindacale "è come orientare le scelte del decisore politico in termini di strumenti e risorse atti a contrastare le disuguaglianze accresciute da questi anni di pandemia ( ma già prima), che potrebbero essere ulteriormente marcate dalla crisi legata al conflitto in Europa.

"Le linee guida per la realizzazione delle pari opportunità e dell'inclusione lavorativa individuate dall'articolo 47 del decreto 77 pongono, però, una serie di deroghe - sottolineano - in capo alle stazioni appaltanti che rischiano di depotenziare pesantemente o inficiare del tutto l'obiettivo che il PNRR si dà rispetto alle quote di assunzione di donne e giovani".

In conclusione, è emerso dalla conferenza come  "la nostra azione sindacale e di contrattazione per la parità di genere e l'eguaglianza economica, e di accesso e di opportunità per le donne, deve diventare pratica 'normale' del nostro agire sindacale. In quest'ottica è importante l'attività di formazione".

sm 

 




Articolo del 24/11/2023

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
FEDERCONSUMATORI

XIX Congresso
XVIII Congresso

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Passa al mobile
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop