CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

Filcams: 'L'emergenza sanitaria viaggia a braccetto con quella economica in maniera inscindibile'


A rischio almeno 30 mila posti di lavoro (su tutto il territorio nazionale) se il Governo non interviene con nuovi ammortizzatori sociali che aiutino le imprese ad evitare i licenziamenti. Con il rialzo dei contagi e le nuove regole di contenimento della pandemia, molte imprese sono di nuove piombate nell’incubo di una sorta di lockdown mascherato. A vivere le situazioni più drammatiche sono i comparti di turismo e pubblici esercizi, ma la crisi tocca un po’ tutte le attività, dal commercio ai servizi. Con poco turismo e ora con i lavoratori di pubblico e privato spesso nuovamente assenti perché in smartworking, i locali hanno perso il 70% degli incassi e oltre. Difficile dire quanto possano ancora durare queste aziende, già logorate da due anni di stop and go. In un contesto così, purtroppo, è chiaro come siano a rischio l’occupazione e il reddito per lavoratrici e lavoratori del turismo , del terziario e degli appalti di servizi, ancora interessati dalla crisi. Le Organizzazioni Sindacali a tutti i livelli rimarcano ( e si rivolgono in particolare al Governo) come sia necessario provvedere immediatamente a una ulteriore proroga degli ammortizzatori con causale Covid e del blocco dei licenziamenti. L'ammortizzatore sociale  Covid è terminato il 31 dicembre scorso e ancora il Governo non è chiaro. È invece chiaro, soprattutto a livello nazionale, come il  pericolo è che migliaia di dipendenti da piccole aziende di turismo e commercio possano perdere il posto di lavoro. 

La Valle d'Aosta

 “La Valle d'Aosta non fa eccezione rispetto al resto d'Italia - dice Isabelle Buillet - con un ulteriore aspetto: il settore turistico è il traino anche di settori come commercio e servizi, visto che producono indotto. 
Se facciamo una passeggiata in centro ad  Aosta per esempio, si leggono i cartelli di chiusura affissi su bar o ristoranti a  causa delle quarantene. Senza contare il numero di contagiati nel commercio, fortunatamente per la maggior parte asintomatici. Una situazione che parte dalla grande distribuzione fino al piccolo esercizio. In seguito allo sblocco dei licenziamenti le aziende stanno già avviando le procedure di licenziamento collettivo (non ultima quella di Gs SpA - Carrefour/Carrefour Market). La nostra regione non è esente da questa situazione, infatti sono 7 gli esuberi. Numeri importanti per una regione con le nostre dimensioni”. “La preoccupazione è grande - conclude Buillet - visto che l’emergenza sanitaria viaggia a braccetto con quella economica in maniera inscindibile”.
 

Articolo del 15/01/2022

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
FEDERCONSUMATORI

XVIII Congresso
Vai allo scaffale delle nostre riviste

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Passa al mobile
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop