CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

Flc Cgil sostiene e partecipa alle manifestazioni del 25 giugno 'Priorità alla scuola'


Il 25 Giugno quaranta piazze italiane si riempiranno ancora una volta di cittadini, insegnanti, educatori e studenti. Anche ad Aosta saranno tutti in piazza per la scuola, alle ore 18 in piazza Chanoux.

Priorità alla scuola, un comitato nazionale di cittadini, studenti, lavoratori e lavoratrici della scuola, ha indetto queste mobilitazioni per chiedere la ripartenza delle attività didattiche in presenza a settembre, salvaguardando salute, sicurezza e diritto allo studio. Per chiedere in primo luogo risorse straordinarie, personale docente e Ata adeguato alle esigenze della scuola; assunzione dei docenti precari dalle graduatorie; investimenti strutturali per l’edilizia scolastica; prevenzione sanitaria nelle scuole, senza che si sia costretti alla riduzione del tempo scuola; ad esternalizzazioni (tutto lavoro precario) per completare il tempo scuola; alle ore di 40 min; alla DAD come parte strutturale dell’orario di scuola.

La FLC nazionale ha deciso di aderire a queste iniziative e queste mobilitazioni, perché le scuole possano riaprire non uguali ma migliori di prima, con temi e rivendicazioni condivise dalla FLC CGIL e al centro dell'attività sindacale in tutti questi mesi di emergenza sanitaria e di sospensione delle attività didattiche in presenza. Lo sciopero che abbiamo proclamato per l’8 giugno aveva alla base questa piattaforma e per questo ci ritroviamo nelle rivendicazioni della giornata del 25.

Anche come FLC della Valle d’Aosta, nel quadro delle specifiche dinamiche di questa Regione Autonoma, riteniamo importante questa mobilitazione. Come abbiamo sottolineato anche a livello confederale, anche qui non stiamo vedendo gli investimenti e le risorse necessarie per riaprire in sicurezza: la manovra straordinaria in discussione in questi giorni in Consiglio Regionale prevede al momento solo un milione e mezzo di euro, una quarantina di docenti in più su un organico di fatto di 2500 insegnanti, meno del 2% (ossia meno di due addetti per ogni Istituzione scolastica). Per riaprire in sicurezza serve invece aumentare sostanzialmente e straordinariamente gli organici (in alcuni casi anche oltre al 30%, con risorse pari a non meno 8/9 milioni di euro). Senza parlare delle altre risorse necessarie, dagli spazi al personale ATAR, dal sostegno alla possibilità di sostituire dal primo giorno il personale assente nelle scuole dell’infanzia e primaria, come per gli educatori di sostegno. Senza parlare della scelta che si profila all’orizzonte la possibilità di non riaprire le graduatorie delle scuole in Valle d’Aosta, unica realtà in Italia a non farlo.

Per questo, anche ad Aosta, è necessario che tutti siano in piazza il 25 giugno alle 18 per dare priorità alla scuola.

Articolo del 25/06/2020

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
Ufficio Vertenze Legali
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
AUSER
FEDERCONSUMATORI

XVIII Congresso
Vai allo scaffale delle nostre riviste

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Rassegna.it
Radio Articolo 1
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Passa al mobile
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop