CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

Funzioni Pubbliche Cgil, Cisl e Uil: 'Noi tuteliamo i diritti di tutti i lavoratori'


In merito alla notizia diffusa da un organo di informazione, dal titolo "Protesta surreale dei sindacati della funzione pubblica per salvare 6 giorni di ferie", è doveroso fare alcune puntualizzazioni e considerazioni. Niente di surreale in primis nel fare ciò che è nell'anima del sindacato, difendere e batterci per far valere i diritti di tutti i lavoratori. Troviamo subdolo, pretestuoso, strumentale e superficiale che venga fatta una distinzione proprio in questo momento di emergenza coronavirus tra lavoratori del Pubblico e quelli del Privato, come se si dovessero fare delle contrapposizioni tra lavoratori di serie A e di serie B. Propaganda questa, che pare scaturire da qualche zelante figuro, che vuole occultare come le amministrazioni del comparto unico, rivalendosi sulle ferie di quest'anno, non facciano che divergere da quanto disposto a livello nazionale, in modo del tutto arbitrario. C’è stato da parte dell’Amministrazione Regionale un tentativo di farci sottoscrivere, come organizzazioni sindacali, un accordo che by-passasse la norma sulle ferie, che noi abbiamo fermamente rigettato. La difficoltà nella gestione dell'emergenza sanitaria, che si è abbattuta anche nella nostra Valle d'Aosta, non sia pretesto per insinuare che il sindacato difenda i privilegiati che stanno a casa pagati: non ci stiamo!

Giù le mani dai diritti dei lavoratori

"Noi difendiamo i diritti di tutti i lavoratori e questa nostra protesta in modo particolare, riguarda tra l'altro le figure più "deboli" del settore pubblico: bidelli, ausiliari, operai generici etc., lavoratori che in questo momento di emergenza non possono svolgere lavoro da casa e che nell'ottica della salvaguardia della salute pubblica devono stare a casa, loro malgrado. Le ferie sono un diritto garantito costituzionalmente. Non c'è niente di surreale in questa protesta. E sull'onda dei nostri nazionali, anche qui in Valle d'Aosta, unitariamente e con forza, Cgil, Cisl e Uil si battono per vedere garantiti e salvaguardati i diritti dei lavoratori. Come riportato dall’art. 87 c.3 del DPCM n. 18/2020 che chiarisce quali istituti utilizzare per le assenze dal servizio e specifica che si può attingere a quelle che sono le ferie del 2019 e precedenti e non quelle maturate e da maturare nel 2020. Si vuole forse mettere in discussione anche la circolare del Ministero della Pubblica amministrazione del 2 aprile? Oppure il protocollo d'intesa che ha avuto il buon esito tra Cgil, Cisl e Uil e il Ministro Dadone? Se si vuole fare melina anche su decreti legislativi e sui diritti previsti dalla Costituzione per far passare messaggi sbagliati, qualcuno ha sbagliato il tiro, cercando di minimizzare il lavoro del sindacato, quello che tenta sempre di mediare ma che non può essere complice. Troviamo becero il tentativo di qualcuno di cercare di gettare fango sulle organizzazioni sindacali nascondendosi e lanciando illazioni a destra e a manca, pensando di intimidirci nel proseguire la nostra azione di protesta. Nel folle delirio di delegittimare il nostro lavoro, qualcuno dimentica che gli stipendi dei lavoratori pubblici sono essenziali per tante economie familiari. 

Articolo del 10/04/2020

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
Ufficio Vertenze Legali
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
AUSER
FEDERCONSUMATORI

XVIII Congresso
Vai allo scaffale delle nostre riviste

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Rassegna.it
Radio Articolo 1
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Passa al mobile
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop