CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

I lavoratori pubblici rivendicano il diritto di lavorare meglio e in sicurezza


L’opinione pubblica si chiede perché il 9 di dicembre sia stato proclamato uno sciopero del Comparto Pubblico in questo particolare momento di difficoltà del Paese. Premettendo che la decisione di indire lo sciopero non è stata presa a cuor leggero, i sindacati della Funzione Pubblica di Cgil, Cisl e Uil Valle d’Aosta spiegano le ragioni: " La legge di Bilancio sarà approvata dal Parlamento nazionale entro dicembre e in essa non ci sono le risorse per assunzioni, sicurezza e rinnovo dei contratti, scaduti da due anni. Sarebbe inutile lottare per i propri diritti una volta che la legge è approvata e non più modificabile.
Purtroppo la sicurezza di chi cura, protegge e garantisce servizi essenziali non è stata garantita durante la prima fase della pandemia, come il Governo sa bene. I lavoratori pubblici rivendicano il diritto di lavorare meglio e in sicurezza per loro stessi, ma anche e soprattutto peri cittadini. Un piano straordinario di assunzioni, la stabilizzazione dei precari e un rinnovo equo e dignitoso dei contratti potranno garantire l'innovazione necessaria, perché il Paese e la nostra Valle d’Aosta ripartano in sicurezza dopo la pandemia. I lavoratori pubblici non sono eroi, ma neanche lavoratori di serie B. Si assumono le loro responsabilità ogni giorno, curando le persone, garantendo i servizi educativi e di prossimità, la sicurezza, gli ammortizzatori sociali e svolgendo anche lavori che sono poco appariscenti, ma consentono il funzionamento della macchina dello Stato e la fruizione dei servizi da parte dell’utenza. La nostra è una lotta per non rendere inutili gli sforzi fatti “ieri” e per tutelare chi “oggi” tiene in piedi la grande macchina dei servizi pubblici. I lavoratori della Pubblica Amministrazione si assumeranno le loro responsabilità anche nella protesta, che sarà composta ma ferma. Pretendiamo rispetto dai rappresentanti delle Istituzioni ! A dimostrazione che l’aspetto economico è solo una delle recriminazioni, abbiamo pensato di collegare a questa giornata un’azione con un’alta valenza sociale ed attenzione verso coloro che attraversano un periodo di ristrettezze. In occasione dello sciopero del 9 dicembre le organizzazioni sindacali hanno proposto ai lavoratori di versare una somma, prendendo come base l’equivalente economica di un’ora di lavoro, chiaramente implementabile. Il totale della somma raccolta verrà devoluta a favore della “Fondazione Banco Alimentare”. Il versamento è aperto a tutti coloro che desiderano contribuire e le Organizzazioni Sindacali hanno previsto di devolvere anche loro una quota. Questo gesto – affermano le Funzioni Pubbliche Cgil, Cisl e Uil – vuole testimoniare come i lavoratori della Pubblica Amministrazione credano nella solidarietà e nel principio che i lavoratori di tutti i settori debbano essere uniti, soprattutto in questo momento di particolare difficoltà. A tal fine è stato attivato uno specifico conto corrente bancario, attivo fino al 15 gennaio 2021, sul quale potranno essere fatti i versamenti tramite bonifico, anche on line, con il seguente IBAN : IT 37 M 03268 01200 052907331250 ( Banca Sella – Ag.di Aosta).

Causale: contributo di solidarietà al Banco Alimentare.

 

Articolo del 14/12/2020

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
FEDERCONSUMATORI

XVIII Congresso
Vai allo scaffale delle nostre riviste

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Passa al mobile
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop