CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

Il 16 dicembre tutti in piazza per la giustizia


È lo sciopero di tutti, cittadine e cittadine, delle lavoratrici e dei lavoratori, dei giovani e dei pensionati. Al centro ci sono questioni troppo importanti che vanno dal lavoro al precariato fino alle pensioni. “Tutti devono scendere in piazza . È uno sciopero dei e per le cittadine e i cittadini. E noi saremo a Milano in rappresentanza delle lavoratrici e dei lavoratori, dei giovani, dei pensionati e di tutti coloro che da questa manovra finanziaria nazionale vengono penalizzati”. A parlare Vilma Gaillard (Cgil ) e Ramira Bizzotto (Uil) che giovedì 16 dicembre andranno a Milano (una delle quattro piazze insieme a Roma, Bari, Palermo e Cagliari) con una corposa delegazione valdostana.

“Una manovra insoddisfacente - affermano le segretarie di Cgil e Uil Valle d’Aosta- soprattutto per quanto riguarda le risorse destinate al lavoro e alle pensioni”. I sindacati chiedono giustizia. In particolar modo in campo fiscale dicono i sindacati: “L’accordo di maggioranza sulla distribuzione degli 8 miliardi destinati all’abbassamento delle tasse è profondamente sbagliato. Ha degli effetti dal punto di vista redistributivo iniqui e opposti rispetto a ciò che servirebbe. Vorremmo sottolineare questo punto, in queste ore tutti si stanno affannando con percentuali a raccontare una storia diversa. La verità è molto semplice, si è fatta una scelta, cioè si è scelto di non intervenire sulle detrazioni e sulla decontribuzione, come avevamo chiesto, disegnando l'intervento fiscale su chi ne aveva più bisogno, ma si è fatta un'operazione che chiaramente ha degli effetti sui redditi più elevati. Allora il punto sul quale vorremmo che tutti riflettessero è che questa operazione, che va nella direzione, più volte, sostenuta, non va a vantaggio di coloro hanno un reddito inferiore ai 35.000 euro e che rappresentano l’85% della platea complessiva di lavoratori e pensionati. Si è scelto di intervenire in modo orizzontale e la riduzione avvantaggia i redditi più elevati. Parti uguali tra disuguali, ci verrebbe da dire. È un'impostazione sbagliata, è una redistribuzione al contrario” e concludono: “La leva fiscale doveva essere utilizzata per ridurre le diseguaglianze. La manovra fiscale in legge di bilancio non è a favore dei giovani, non è a favore delle donne, non è a favore dei lavoratori e delle lavoratrici, delle pensionate e dei pensionati a basso e medio reddito. Senza parlare di Quota 102, una presa in giro così come è stata delineata. Ci chiediamo perché non si sia affrontata in maniera adeguata la riforma pensionistica”.
 

Articolo del 14/12/2021

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
FEDERCONSUMATORI

XVIII Congresso
Vai allo scaffale delle nostre riviste

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Passa al mobile
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop