CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

Lavoratrici SDS: 'Perché se i CEA riaprono, noi dobbiamo continuare a rimanere a casa?'


"Riapertura dei CEA da lunedì 22 giugno. La notizia è rimbombata in tutta la Valle d’Aosta. Peccato però che per le lavoratrici e i lavoratori di SDS ( Società di Servizi) l'attività lavorativa non riprenda e si prolunghi per altre 4 settimane il periodo di sospensione attraverso la misura di sostegno al reddito del FIS ( fondo d'integrazione salariale). Almeno questo è quello che capiterà agli educatori e agli oss della Società di Servizi . I “regionali”, OSS e educatori, che svolgono la stessa funzione sono invece al loro posto". A parlare gli educatori e gli oss della Società di Servizi. E a sostenere le affermazioni delle lavoratrici di SDS anche le Funzioni Pubbliche di Cgil, Cisl e Uil.

FIGLI E FIGLIASTRI

Spiegano gli educatori e le oss della Società di Servizi” Dopo la fine di marzo, i nostri colleghi regionali hanno ripreso il lavoro in Smart working, formula che invece non è stata riconosciuta ai lavoratori SDS, costretti a restare a casa dalla chiusura dei servizi . E questo, sottolineano i lavoratori della Società, non per loro volontà, ma perché lo stop è arrivato direttamente dalla Regione. Questo ha impedito loro di partecipare alla riprogrammazione delle attività da svolgere alla riapertura dei CEA e neanche è mai stata richiesta la disponibilità, contrariamente a quanto asserito dall'assessore, per la realizzazione di interventi domiciliari e territoriali. Ora, nel momento in cui i CEA riaprono, perché gli oss e gli educatori di SDS devono rimanere ancora a casa? Eppure hanno la stessa formazione professionale le stesse mansioni dei loro colleghi regionali che lavorano e che hanno continuato a lavorare durante questo periodo. Se c'è una differenza, semmai, è nella paga, sostanzialmente inferiore. Non si può non accogliere questa ulteriore decisione come l'ennesima mancanza di considerazione e di riconoscimento professionale da parte della Regione, che ci obbliga ad altre quattro settimane in Fis”. “Ci si chiede quale sia la motivazione di tutto ciò - affermano educatrici e oss della Società di Servizi- ma non riusciamo ad avere risposte.La società di servizi non è in grado di darcele, perché in primis è l'assessorato a non darle. Così facendo non arrivano risposte né dall’assessore né dalla dirigente dei CEA. Noi chiediamo semplicemente che ci vengano riconosciuti la nostra dignità lavorativa e il nostro diritto a riprendere l'attività perché svolgiamo lo stesso lavoro di un dipendente regionale. purtroppo è sempre più evidente che a parità di mansioni e funzioni, le nostre condizioni sono penalizzanti. È frustrante lavorare in questo modo” dicono in conclusione le lavoratrici della Società di Servizi.  

Articolo del 30/06/2020

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
Ufficio Vertenze Legali
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
AUSER
FEDERCONSUMATORI

XVIII Congresso
Vai allo scaffale delle nostre riviste

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Rassegna.it
Radio Articolo 1
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Passa al mobile
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop