CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

L'intervista a Gianni Venturi, segreteria Fiom nazionale


“Una fase importante per i lavoratori metalmeccanici, dove all'orizzonte c'è il rinnovo del contratto nazionale e dove ci si troverà a misurarsi con le scelte economiche -politiche del Governo”. A parlare è Gianni Venturi, segreteria nazionale Fiom, in Valle d'Aosta per le assemblee che si sono svolte con i lavoratori della Cogne Acciai Speciali.

Segretario Venturi, che impressione ha avuto da queste assemblee?
“Un'assemblea importante e partecipata. Lo sciopero del 14 giugno mi sembra che venga vissuta dai lavoratori dell'Acciaieria Cogne esattamente per quello che è, cioè una scelta importante in una fase molto delicata per i lavoratori metalmeccanici del nostro Paese”.

Fusione Renault – FCA cosa comporta questo per le aziende automotive?
“Siamo di fronte a un'operazione i cui contorni non sono ancora del tutto definiti, ma che comunque riguarda la prospettiva strategica del settore dell'automotive nel nostro Paese. È evidente che in quella fusione, se non dovesse entrare Nissan, che è l'unica tra i tre marchi che detiene la tipologia dell'ibrido e dell'elettrico, diventerebbe una fusione tra due debolezze e probabilmente ci sarebbero delle sovrapposizioni che potrebbero mettere in discussione anche l'occupazione e la produzione di Mirafiori e Pomigliano d'Arco. È una vicenda questa dove il Governo deve battere un colpo e fare esattamente come sta facendo il Governo francese, cioè provare a determinare l'orientamento delle scelte politiche per l'industria”.

14 giugno, sciopero generale unitario dei metalmeccanici, un appuntamento importante. Viene da chiedersi qual è il futuro dell'industria in Italia?
“Al centro dello sciopero del 14 giugno c'è proprio questo. Il futuro dell'industria manifatturiera del nostro Paese. In particolare dell'industria metalmeccanica. Noi veniamo da anni, in cui in particolare l'industria manifatturiera (e quella metalmeccanica più di altre) ha sofferto della crisi durissima che si è aperta negli anni2008-2009. Abbiamo perso il 25% della capacità produttiva e oltre 350 mila posti di lavoro. Oggi anche se non in maniera del tutto omogenea, c'è una ripresa significativa in alcuni settori. Altri sentono ancora il morso della crisi e la difficoltà di costruire una prospettiva strategica. L'automotive su tutti è un settore in grande difficoltà. È necessaria una strategia industriale per il nostro Paese”.

Articolo del 12/06/2019

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
Ufficio Vertenze Legali
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
AUSER
FEDERCONSUMATORI

XVIII Congresso

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Rassegna.it
Radio Articolo 1
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Passa al mobile
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop
aaa