CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

Sanità, Fp VdA “Manca una strategia politica regionale lungimirante”


 


La situazione è sotto gli occhi di tutti per quanto riguarda la sanità in Valle d’Aosta. Liste d’attesa infinite, pronto soccorso preso d’assalto e con lunghe attese, professionisti (infermieri, operatori tecnici, Oss e medici) che non danno il giro per i turni massacranti a cui spesso sono sottoposti, intersecandosi in numerose mansioni che creano inevitabilmente stress psicofisico e stanchezza. E la soluzione quale sarebbe? Intensificare le ore dell’Elisoccorso, che a sua volta comporta un ulteriore sforzo - lavoro da parte degli stessi e soliti professionisti sanitari? La responsabilità di tutto questo è della mancanza di oculatezza di chi a Palazzo regionale si occupa di Sanità. Forse sarebbe il caso di provare a migliorare quello che abbiamo già, invece di riversare tutti gli sforzi del personale, già carente ( e quelli che ci sono spesso sono stanchi proprio per i turni di lavoro massacranti) verso un unico mezzo? Facciamo una premessa, doverosa. L’Elisoccorso, per esempio, è il mezzo che permette di salvare vite, perché soprattutto per come è disposta territorialmente la Valle d’Aosta, permette di arrivare in qualsiasi posto in poco tempo e magari ( come è già successo) salvare vite umane. Quindi nessuna demonizzazione del mezzo, anzi di elogio. Le nostre perplessità, però, riguardano i metodi e la mancanza totale di una politica che valorizzi il personale e dia servizi efficaci e efficienti ai cittadini. Continua a mancare una strategia lungimirante.

È impensabile aumentare il carico di lavoro del personale medico-infermieristico-tecnico e assistenziale per un solo mezzo, quando ci si ritrova “a galleggiare” in tutti gli altri settori. Spesso mancano ambulanze, il personale infermieristico è quasi ridotto all’osso ( se si pensa ai numerosi trasferimenti dei nostri professionisti verso altre zone d’Italia o all’estero, perché meglio remunerati, valorizzati e con condizioni lavorative più umane in termini di organizzazione e di concilliazione vita-lavoro). Naturalmente la nostra perplessità non è verso l’Elisoccorso, ma è un’occasione di riflessione su come viene gestita attualmente la sanità in Valle d’Aosta e le nostre perplessità sono rivolte a una politica regionale ( e nello specifico all'assessorato regionale alla sanità ) deficitaria in termini di azioni reali, concrete e strategiche che dovrebbero invece essere rivolte a un effettivo miglioramento dei Servizi e delle condizioni di lavoro dei professionisti.

È impensabile che possano mancare ambulanze ( perché magari impegnate nel soccorso e nel trasporto dei pazienti, per esempio, da e verso l’Elisoccorso ), eppure sta accadendo anche questo, senza contare che tutto questo va a ricadere inevitabilmente su tutta la popolazione valdostana e sul benessere e sulla salute della collettività ( lavoratori della sanità e cittadini).  
 

 

sm

Articolo del 25/01/2024

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
FEDERCONSUMATORI

XIX Congresso
XVIII Congresso

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Passa al mobile
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop