CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

Sanità, poca collaborazione e tanta superficialità da parte dell'Usl Valle d'Aosta


"Dopo essere stati considerati con tanti gesti di affetto da parte di tutti i cittadini, i dipendenti della sanità pubblica devono essere ringraziati anche e soprattutto nella giornata della Festa dei Lavoratori, ma non solo. Hanno lavorato duramente a loro rischio e pericolo, allontanandosi dalle loro famiglie, costretti dalla paura del contagio. Hanno seguito le disposizioni, si sono adattati a tutte le direttive che venivano loro richieste. Ma proprio in occasione della Festa dei Lavoratori vogliamo cogliere l’occasione per sottolineare che non sono sufficienti i ringraziamenti. L'Usl si è posta in maniera poco collaborativa e superficiale (atteggiamento antisindacale?), nonostante da parte nostra ci sia stata collaborazione e volontà nell'avere un confronto costruttivo". I sindacati del comparto sanità ( Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl) lamentano in primis una mancanza di coinvolgimento delle progettazioni per ospedale, per il territorio e delle fasi in questo momento cruciali nella gestione di emergenza sanitaria coronavirus. Le organizzazioni sindacali nel rispetto dei lavoratori, che rappresentano, hanno sempre chiesto di essere consultate e coinvolte nella programmazione e nelle decisioni future: "Si auspicava emergessero dati, programmi concreti e analisi oggettive - affermano i sindacati -. Tutto ciò non è avvenuto e non sta avvenendo. Senza dimenticare che abbiamo ricevuto spesso notizie di variazioni organizzative dai mass media (riorganizzazione dell'ospedale e del territorio). Ci si chiede se sia stato fatto tutto il possibile per contenere l’epidemia e se siano stati tutelati tutti i lavoratori, invece abbiamo dovuto ascoltare auto-elogi del lavoro fatto! Eppure la situazione che vediamo davanti ai nostri occhi è decisamente diversa da quella presentata dai vertici dell'Usl".

Pietro Trovero ( Fp Cgil): "Tamponi a tappeto per tutto il personale sanitario"

"Dove sono i tamponi a tappeto per tutto il personale sanitario? Com'è possibile che proprio un'Azienda sanitaria non si prodighi a mettere in sicurezza prima i propri dipendenti che assisteranno poi i malati? Ad oggi i tamponi effettuati al personale sanitario sono irrisori. Qui si parla delle vite delle persone e un atteggiamento del genere è inaccettabile. Ci si chiede se sia stato fatto tutto il possibile, se un' informazione puntuale poteva generare meno confusione? Si pensi, ad esempio, ai percorsi interni al nosocomio denominati puliti e sporchi. Lamentiamo lo stesso atteggiamento anche dalla Regione. Conseguentemente a quanto sopra esposto, i sindacati prendono le distanze da tutto ciò che sino ad ora è stato fatto per la gestione dell'emergenza nei suoi vari aspetti da politica e azienda USL. Le polemiche fine a se stesse non ci piacciono, ma è giusto secondo noi che tutta la comunità sia messa a conoscenza di ciò che realmente succede. Nonostante ciò, i sindacati sono assolutamente disponibili al confronto con la Regione e si stanno impegnando ad ottenere nel più breve tempo possibile il giusto riconoscimento economico a tutto il personale impiegato nell’emergenza Covid-19" concludono i sindacati della sanità.

Articolo del 03/05/2020

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
Ufficio Vertenze Legali
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
AUSER
FEDERCONSUMATORI

XVIII Congresso
Vai allo scaffale delle nostre riviste

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Rassegna.it
Radio Articolo 1
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Passa al mobile
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop