CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

Sanità Valle d'Aosta, Pietro Trovero (FP): 'Situazione di stallo con criticità elevate'


"La questione carenza di medici e del personale di comparto anziché trovare soluzioni adeguate con il passare dei mesi si è aggravata ancora di più". Ad affermarlo è Pietro Trovero, componente della segreteria generale regionale di Funzione Pubblica, che sostiene: "Malgrado le rassicurazioni e le promesse da parte dell'assessore alla Sanità di porre in atto azioni puntuali e concrete sulle continue difficoltà, che affliggono la sanità valdostana in risposta alle preoccupazioni del sindacato, non si sono registrati passi avanti. Le criticità più urgenti (dipartimento di Salute Mentale, dermatologia, per esempio) non hanno ancora trovato una soluzione. L'insoddisfazione è elevata rispetto all'incapacità dell'Amministrazione Regionale di giungere in tempi brevi a soluzioni che permettano una via di uscita alla situazione di stallo creatasi. Occorre riportare la sanità al centro dell'agenda politica per evitare che siano compromesse la quantità e la qualità delle prestazioni del Ssn ( sistema sanitario nazionale). Le liste d'attesa per alcune specialità sono ancora “lunghe”. Dalla tabella sui tempi di attesa di prenotazione, consegnata ai giornalisti dall'assessore Mauro Baccega in collaborazione con il Commissario straordinario dell’azienda USL della Valle d’Aosta, Dottor Angelo Pescarmona e il direttore sanitario, dottor Pier Eugenio Nebiolo,in occasione della conferenza stampa di giugno scorso, si rilevano ancora numerose elevate criticità, al contrario di quanto comunicato secondo cui “ per la maggior parte delle prestazioni sanitarie i tempi di attesa delle prenotazioni si sono ridotte, portando la percentuale di rispetto dei tempi previsti dalla legge, 30 giorni per una prima visita, al 90% sul totale delle prestazioni erogate”.
Riguardo ai concorsi per specialisti in Psichiatria, scendisce Trovero: "Essi non vanno deserti perché, come affermato più volte dall'Assessore, la specialità di Psichiatria è poco scelta con la conseguente carenza di medici Psichiatri, ma le problematiche continuano a essere quelle già più volte ribadite dal sindacato: la nostra Regione risulta essere poco attrattiva, senza possibilità di avanzamento di carriera per i neo assunti in assenza di incentivi economici. Il problema poi della prova di francese rimane sempre un ostacolo circa la scelta del nostro Presidio ospedaliero da parte dei sanitari.
Rispetto all'attuazione del progetto denominato “équipe multidisciplinare” del dipartimento salute mentale sarà compito del sindacato vigilare affinché non si inneschino situazioni di “confusione delle competenze” tra sanitari della dirigenza medica e sanitari non medici. La carenza di personale medico non può e non deve risolversi nell'ottica di ottimizzare le risorse in campo, mettendo a rischio i diritti del lavoro non scindibili da quelli dei cittadini".
 

Articolo del 22/07/2019

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
Ufficio Vertenze Legali
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
AUSER
FEDERCONSUMATORI

XVIII Congresso
Vai allo scaffale delle nostre riviste

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Rassegna.it
Radio Articolo 1
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Passa al mobile
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop
aaa