CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

Sindacati alle imprese: 'Sicurezza per i lavoratori, se no è necessario sospendere le attività'


I recenti provvedimenti del Governo per contrastare e contenere la diffusione del virus Covid-19, impongono a tutti quanti, comportamenti rigorosi e coerenti con tale finalità. Alla luce dei decreti emanati dal Presidente del Consiglio dei Ministri, si rende urgente limitare le attività e i rischi per i lavoratori, proprio perché lavorare in sicurezza è la condizione necessaria per tutelare l’occupazione e per contenere al massimo la diffusione del virus. I lavoratori edili, impegnati nei diversi cantieri attivi sul territorio valdostano, compresi coloro che provengono da fuori regione, devono poter operare nella massima sicurezza, per la salvaguardia della loro salute e incolumità fisica. Il Dpcm dell’11 marzo 2020, che impone la chiusura di tutte quelle attività, dove è maggiormente possibile la diffusione del Covid-19, non ha previsto la chiusura dei cantieri edili ma, al punto 8 dell’articolo 1) prevede: "per le sole attività produttive si raccomanda altresì che siano limitati al massimo gli spostamenti all'interno dei siti e contingentato l'accesso agli spazi comuni".

La salute e la sicurezza dei lavoratori al primo posto

Pertanto si invitano tutte le imprese edili ad attenersi a quanto prescritto e a tenersi costantemente informati sui provvedimenti adottati dalle istituzioni. Informare i lavoratori-dipendenti sulle regole fondamentali di igiene per prevenire le infezioni virali; richiedere ai lavoratori il rispetto della distanza interpersonale di un metro durante l’attività lavorativa e/o durante i trasferimenti eseguiti con mezzi aziendali per raggiungere i luoghi di lavoro e viceversa; informare i lavoratori che, nel caso si manifestino sintomi quali febbre, tosse, difficoltà respiratorie, è necessario che contattino il loro medico curante o chiamino i numeri messi a disposizione dalle autorità competenti e soprattutto rimangano presso il loro domicilio; fornire ai lavoratori presenti in cantiere di dispositivi di protezione efficaci a contenere la diffusione del virus. Inoltre, qualora non fosse possibile evitare la diffusione del virus nei cantieri e garantire la sicurezza fisica dei lavoratori e se non fosse possibile garantire i diritti contrattuali, come la consumazione del pasto caldo per tutti gli operai in trasferta, si chiede alle imprese di sospendere le attività e attivare immediatamente le procedure per la richiesta degli ammortizzatori sociali, previsti in caso di sospensione delle lavorazioni per cause di forza maggiore. Le organizzazioni sindacali, Feneal-Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil e Savt Costruzioni, sono a disposizione per la sottoscrizione di eventuali accordi che si rendessero necessari.

Articolo del 17/03/2020

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
Ufficio Vertenze Legali
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
AUSER
FEDERCONSUMATORI

XVIII Congresso
Vai allo scaffale delle nostre riviste

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Passa al mobile
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop