CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

Unicredit, preoccupazione dopo i tagli previsti a livello nazionale


Preoccupazione elevata tra i lavoratori dell'Unicredit, anche in Valle d'Aosta. I vertici dell'istituto hanno presentato, a inizio dicembre, il nuovo piano industriale che prevede, tra le altre cose, tagli per 8 mila lavoratori tra Italia, Germania e Austria. Oltre alla chiusura di 500 filiali, non è stato ancora chiarito come e dove avverranno questi tagli, ma c'è preoccupazione anche in Valle d'Aosta, dove sono presenti 10 agenzie e 3 sportelli con un totatel di cento dipendenti. Anche in questo caso si ipotizzano percorsi di prepensionamento. Per Marina Milanesio, segretario generale Fisac Cgil Valle d'Aosta, afferma: "È inaccettabile l'ennesimo piano industriale basato sul taglio del personale, con una rete di sportelli già in ginocchio per carenze di personale. In Valle d'Aosta come in gran parte delle sedi in Italia. Un piano che, oltretutto, prevede una forte ridistribuzione di capitale agli azionisti. Come sta succedendo in decine di altre imprese sane, si continua a parlare di esuberi considerando il lavoro qualcosa di superfluo al servizio del capitale. È ora di invertire la tendenza recuperando la visione di una banca al servizio dell'economia, prospettiva che è in discussione anche nella trattativa in corso per il rinnovo del Contratto Nazionale con ABI".

Per quanto concerne invece la situazione BCC, è stato un fine d'anno dolceamaro. Dopo i numeri "in rosso" degli ultimi anni, l'istituto che ha sede legale a Gressan si appresta a chiudere il 2019 con un bilancio in attivo. Ma questa al momento è l'unica buona notizia, perché per il futuro della Bccv sono maggiori le incognite rispetto alle certezze. C'è la cosiddetta riorganizzazione, che ha già portato alla chiusura di sportelli e filiali nei mesi scorsi come quelli di Aosta Nord, Champoluc, Arvier e Antey-Saint-André. I vertici della banca stanno elaborando nuovi interventi per abbattere i costi, compreso quello del lavoro. A pesare, tra le altre cose, è la necessità di far rientrare il prestito di 14 milioni concesso dalla Cassa Centrale Banca (il gruppo che da gennaio è proprietario della Bcc) per appianare la perdita di oltre 15 milioni fatta segnare da Bccv nel bilancio 2017. La paura tra i dipendenti è quello di un prossimo taglio dei posti di lavoro. Commenta Marina Milanesio: "C'è un processo di riorganizzazione generale  nella Bcc valdostana, come accade in altre banche, per questo sono avvenute delle chiusure di sportelli. Rientra nel piano anche il  costo del lavoro per migliorare la redditività. È in corso una trattativa sindacale". 

Articolo del 22/12/2019

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
Ufficio Vertenze Legali
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
AUSER
FEDERCONSUMATORI

XVIII Congresso
Vai allo scaffale delle nostre riviste

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Rassegna.it
Radio Articolo 1
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Passa al mobile
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop
aaa