CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

Usurati in Pensione Anticipata… Ma il Tempo è Tiranno!


I lavoratori usurati, ovvero coloro che sono stati occupati in un'attività faticosa o pesante – tra cui il lavoro notturno per almeno 78 giornate – possono andare in pensione fino a cinque anni prima dell'età ordinaria, che al momento è pari a 66 anni e 3 mesi, se quest'anno maturano 35 anni di contributi.
I soggetti che rispettano questi requisiti devono presentare richiesta di riconoscimento del bonus dell'anticipo del pensionamento entro il prossimo 1° marzo; non si tratta della domanda di pensione, la cui erogazione resta subordinata alla successiva presentazione della domanda vera e propria.
I lavoratori notturni vanno distinti in due categorie: lavoratori a turni (notturni) e lavoratori che prestano attività per periodi di durata pari all'intero anno lavorativo (ossia non a turni).
Ai primi viene riconosciuto il beneficio della pensione anticipata se prestano la loro attività lavorativa per almeno 6 ore tra la mezzanotte e le 5 del mattino e per un numero minimo di 78 giorni all'anno. Invece, per i lavoratori turnisti che svolgono lavoro notturno per meno di 78 giornate all'anno i requisiti previsti sono incrementati rispettivamente di:
 

  • 1 anno per coloro che svolgono attività notturna per un numero di giornate all'anno compreso tra 72 e 77;
  • 2 anni per coloro che svolgono attività notturna per un numero di giornate all'anno compreso tra 64 e 71.


I lavoratori che prestano attività per periodi di durata pari all'intero anno lavorativo sono quelli che prestano la loro attività per almeno 3 ore nell'intervallo tra la mezzanotte e le 5 del mattino per periodi di di lavoro di durata pari all'intero anno lavorativo.
Il diritto alla pensione anticipata è subordinato a determinate condizioni. Infatti, si matura qualora una o più delle predette attività lavorative siano state svolte per un periodo di tempo pari a:
 

  • almeno 7 anni, compreso l'anno di maturazione dei requisiti di pensionamento, negli ultimi 10 di attività lavorativa per le pensioni aventi decorrenza entro il 31 dicembre 2017;
  • almeno la metà della vita lavorativa complessiva, per le pensioni aventi decorrenza dal 1° gennaio 2018.


Attenzione: un ritardo nella presentazione della richiesta di beneficio comporterà automaticamente lo slittamento in avanti della decorrenza della pensione pari a:
 

  • un mese, se il ritardo della presentazione è contenuto in un mese;
  • due mesi, se il ritardo della presentazione è compreso tra uno e due mesi;
  • tre mesi, se il ritardo della presentazione è di tre mesi e oltre.

Articolo del 21/02/2014

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
Ufficio Vertenze Legali
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
AUSER
FEDERCONSUMATORI

XVIII Congresso
Vai allo scaffale delle nostre riviste

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Rassegna.it
Radio Articolo 1
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop