CGIL Valle d'Aosta
HOME CHI SIAMO SEDI e CONTATTI

Vilma Gaillard: “Pandemia e ora anche la guerra. Aumentano le disuguaglianze sociali”


 “Dall’inizio dell’anno sono oltre 200 i morti sul lavoro, e se ne sono contati 196 solo nel primo trimestre”. È l’incipit del discorso della segretaria generale Vilma Gaillard in occasione del 1ºMaggio, che ha avuto luogo a Verrès. La segretaria generale ha chiesto 1 minuto di silenzio per i morti sul lavoro, poi fa un’analisi a tutto tondo, partendo dai giovani e dalle donne, fino ad arrivare al precariato e all’aumento della povertà e delle disuguaglianze sociali. Dice Gaillard: “Quello di quest'anno poteva essere un Primo Maggio all'insegna della felicità per la possibilità di ritrovarsi tutti insieme  - ovviamente sempre con le dovute precauzioni - perché la pandemia non è stata ancora debellata. C'erano tutti i presupposti perché fosse un 1º Maggio  inteso proprio come Festa dei Lavoratori, quindi ritrovarsi tutti insieme in piazza, il grande concerto a Roma, la marcia per la pace , cortei nelle piccole realtà come la nostra. Una naturale volontà di ritrovarsi tutti insieme, un aspetto che ha da sempre caratterizzato la Festa dei Lavoratori. Quest'anno inevitabilmente il 1°Maggio è offuscato dalla forte preoccupazione della guerra in Ucraina. Ecco perché quest'anno marciamo per chiedere la pace".

La pandemia: uno tsunami sul mondo del lavoro e dell'economia

"Due anni di pandemia - sottolinea Vilma Gaillard - hanno sconvolto non poco il mondo del lavoro, creando ulteriore precariato, andando ad aumentare quelle divisioni sociali tra giovani, anziani, donne, tra chi aveva il lavoro fisso e chi no. É chiaro che la guerra non aiuta, ma blocca quel barlume di speranza di ripresa dell'economia, e del mondo del lavoro.  Invece dobbiamo affrontare le conseguenze di una guerra, conseguenze principalmente economiche. In questo 1°Maggio si chiede che si lavori affinché vengano attivate tutte le diplomazie che consentano di porre fine alla guerra, in modo tale che il lavoro torni a essere al centro dell'attenzione del mondo politico , non solo a livello nazionale e regionale, ma anche internazionale.  Che sia un 1°Maggio di pace , ma soprattutto di garanzia di stabilità nei confronti di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori. É necessario che vengano trovate formule giuste che non vadano ad alimentare ulteriormente il precariato, visto che purtroppo, ancora oggi rimane la formula utilizzata maggiormente sia nei giovani o per fronteggiare delle difficoltà (vedi l'elevata richiesta di lavoratori somministrati per esempio). Chiediamo che vengano assicurate stabilità e sicurezza. Il lavoro deve essere garantito, deve essere stabile e sicuro, in modo da dare ai lavoratori la possibilità di una progettualità".




Articolo del 01/05/2022

Comunicati
Notizie
Progetti
Gallerie
Video
Ricerca per categoria
Categorie
Servizi
FILCAMS
FILCTEM
FILLEA
FILT
FIOM
FISAC
FLAI
FLC
SLC
FP
NIDIL
SILP
SPI
Patronato INCA
CAAF Assistenza fiscale
Sportello Immigrati
SUNIA Inquilini

Associazioni
FEDERCONSUMATORI

XVIII Congresso
Vai allo scaffale delle nostre riviste

La carta giusta per cambiare Il piano del lavoro Link utili
CGIL Nazionale
Wikilabour
Link utili
Link utili Feed RSS Free wi-fi in tutte le nostre sedi
Passa al mobile
Facebook Twitter Google Plus Youtube Area riservata
Astrelia Sviluppa siti internet e applicazioni per mobile iPhone iPad o Android e web application oltre che desktop